I vantaggi del riuso di I.B.D.M.E.T per il Reventino Savuto

Ne ha parlato il sindaco referente dell’area calabrese al webinar sulle esperienze di Community di innovazione, anche per quanto riguarda l’associazionismo comunale

 
 
“L’adozione di questa pratica è stata la prima occasione di lavorare su temi comuni”. Basterebbero già queste parole del sindaco  di Scigliano Raffaele Pane, referente dell’area interna Reventino Savuto che ha sperimentato una soluzione di riuso digitale, per decretare il successo  dell’affiancamento avviato nell’ambito della linea di intervento del progetto ITALIAE , Community di innovazione, che ha presentato questa e altre esperienze nel corso del webinar, “Percorsi di digitalizzazione e pratiche di riuso per i servizi intercomunali - L’esperienza di adozione di I.B.D.M.E.T”.
 
Un seminario per illustrare le attività avviate nell’ambito della linea di intervento attuata da Formez PA anche attraverso la voce dei protagonisti. Obiettivo di Community di innovazione è la promozione di modelli organizzativi sovracomunali e, di conseguenza, il rafforzamento della capacità amministrativa, attraverso l’adozione di pratiche innovative anche in ottica di riuso.
 
Clelia Fusco,responsabile della linea progettuale, ha spiegato le attività fin qui svolte sempre con la collaborazione dei referenti locali e sulla base dei fabbisogni espressi dai territori.
 
I Piani di innovazione digitale rappresentano lo strumento principale messo in campo per prospettare le direttrici su cui impostare la trasformazione in senso digitale delle aggregazioni territoriali che hanno aderito al progetto ITALIAE.  Un traguardo  che prevede un check up del contesto, con particolare attenzione per quello digitale, dei singoli comuni e dell’ente cui appartengono, supportato da analisi, incontri on line e on site e interviste ai referenti locali per poi condividere il percorso, e le scelte che ne derivano, con tutti gli enti coinvolti che, in alcuni casi rivolgono al team di esperti richieste precise su cui costruire i Piani.
 
Un altro intervento riguarda i Laboratori di innovazione digitale, attività informativa sulle opportunità finanziarie in materia di digitalizzazione, prime fra tutte i bandi del PNRR. Anche le attività laboratoriali, in prima battuta basate su un’ampia panoramica delle possibilità, vengono poi cucite sulle richieste dei territori.