Finanziamento a Terna per la rete nel sud Italia

L’8 luglio 2013 a Roma è stato messo a punto il contratto di finanziamento di 570 milioni di euro incentrato sugli investimenti nel sud Italia tra la Banca europea per gli investimenti (BEI) e Terna, la società di gestione della rete elettrica del Paese.

Il prestito contribuisce al piano quinquennale 2012-2016 di Terna per il rafforzamento del network italiano di trasmissione di energia elettrica. Il piano è suddiviso in 14 progetti specifici implementati in tutta Italia, con particolare riferimento alle Regioni Convergenza (Campania, Puglia, Sicilia e Calabria) che ricevono il 69% della somma totale finanziata.
 
Il prestito a Terna rientra tra le priorità di intervento della Banca europea per gli investimenti. Innanzitutto i piani di miglioramento delle reti elettriche sono di enorme importanza per la riduzione dei costi dell’energia elettrica e dei differenziali di prezzo  trae le diverse aree, nonché per la connessione effettiva alla rete dei sistemi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Lo stanziamento nel Mezzogiorno d'Italia di oltre i due terzi degli investimenti si inserisce, inoltre, nel filone di interventi fondamentali della BEI, vale a dire a favore di una crescita socio-economico armoniosa dell'Unione europea.

Tag: