E’ partito il bus che porta il digitale nelle scuole dell’Appennino Piacentino Parmense

Inaugurazione ufficiale del laboratorio itinerante che raggiunge gli studenti nei plessi di montagna per una didattica innovativa e inclusiva incentrata su tecnologie di ultima generazione

 
 
Inaugurato ufficialmente il Digital School Bus, il pulmino 100% elettrico che porta il digitale nelle scuole dell’Appennino Piacentino Parmense, in attuazione della Strategia nazionale per le aree interne (SNAI). Un laboratorio itinerante per diffondere cultura e tecnologia digitale negli istituti e fra gli studenti delle scuole di montagna, con la partecipazione attiva degli insegnati sostenuti da specifici programmi di formazione. La tappa inaugurale si è svolta nella scuola primaria del comune capofila dell’iniziativa, Ponte dell’Olio, alla presenza del presidente della Regione Stefano Bonaccini, dei i sindaci dei Comuni, dei dirigenti scolastici coinvolti e dell’ideatore del progetto, il maestro elementare Italo Ravenna.
 
Il mini-pulmann è stato finanziato con risorse nazionali, pari a 375mila euro, nell’ambito di Appennino Smart, la strategia del comprensorio emiliano in cui posto centrale ricopre la didattica innovativa per la   modernizzazione della scuola e per favorire la permanenza degli studenti in orario extrascolastico. Le risorse complessive a disposizione dell’area ammontano a oltre 13,4 milioni di euro.
L’Area Interna Appennino Piacentino Parmense è composta da un’area progetto di 12 comuni e da un’area strategia di ulteriori 16 comuni. L’intervento coinvolge 21 plessi della scuola primaria e secondaria di primo grado, in tutto sei Istituti compresivi dell’una e dell’altra.
 
Il progetto si ispira al John Lennon Bus, un super camper attrezzato per realizzare musica e video, che girava per la Gran Bretagna e l’America nelle scuole di ogni città per creare un video musicali in maniera totalmente autonoma. Da qui l’idea di un servizio scolastico innovativo, green e unico al mondo, con un approccio dinamico e inclusivo, finalizzato ad attirare i ragazzi, anche al di fuori dell’ambiente classe, attraverso la creazione autonoma di contenuti digitali grazie a tecnologie di ultima generazione: dai visori di realtà aumentata, ai robot rover, dai droni alle action cam,  passando per set luci con green screen per effetti cinematografici, studio audio per web radio e podcast, iPad e strumenti di creatività.
 
Realizzato anche un sito di progetto per seguire le tappe del bus nelle scuole dei comuni interni.