I comuni italiani scendono sotto quota 8mila

I municipi sono 7.998. Lo certifica l’Annuario 2016 dell’ISTAT sulle variazioni amministrative del territorio nazionale. Coinvolti anche i territori comunali delle Aree Interne

Il numero dei comuni italiani è sceso sotto quota 8mila. Il saldo fra creazioni e soppressioni è, infatti, negativo.  Lo certifica l’ISTAT nell’Annuario statistico italiano 2016 che fotografa le variazioni amministrative sul territorio nazionale, fissando al 31 dicembre, in 7.998 le unità amministrative destinate a diminuire ulteriormente nel 2017. Nel corso dell’anno appena concluso sono stati istituiti per fusione 29 nuovi comuni – approvati con leggi regionali -  di cui due per incorporazione, e ne sono stati soppressi 75. In particolare sono stati istituiti 18 comuni in provincia di Trento (49 comuni soppressi); 1 comune in ciascun nelle province di Verbano-Cusio-Ossola, Rimini, Parma, Pavia (2 comuni soppressi in ciascuna), Reggio nell’Emilia (4 comuni soppressi); 1 nella città metropolitana di Bologna (2 comuni soppressi); 2 comuni in provincia di Biella e in provincia di Belluno (5 comuni soppressi in ciascuna). I comuni di Ivano-Fracena e Prestine sono stati soppressi e incorporati rispettivamente nei comuni di Castel Ivano (TN) e Bienno (BS). Dal 1° gennaio 2017 con le integrazioni di Acquacanina nel comune di Fiastra (PU) e di Selve Marcone nel comune di Pettinengo (BI), nonché l'istituzione di 6 nuovi comuni (Colli al Metauro (PU), Terre Roveresche (PU), Montalcino (SI), Abetone Cutigliano (PT), San Marcello Piteglio (PT) e Terre del Reno (FE))  mediante fusione di 15 unità amministrative, il numero dei comuni italiani risulta essere di 7.987 entità.
A partire dal 2014 l’accorpamento di comuni, sancito da specifiche leggi regionali, ha interessato anche 3 aree in Lombardia e in Toscana individuate dalla Strategia Nazionale per le Aree interne (SNAI). La Strategia prevede, come prerequisito essenziale per le aree-progetto beneficiarie degli interventi, l’individuazione da parte dei relativi comuni di forme appropriate di gestione associata di funzioni fondamentali e servizi finalizzate ad una maggiore efficacia. Nell’area lombarda Valchiavenna si è passati nel 2015 da 13 a 12 comuni per l’incorporazione del comune di Menarola in quello di Gordona, in provincia di Sondrio. Nel Casentino, con l’istituzione nel 2014 della nuova entità comunale Pratovecchio Stia attraverso la fusione dei due comuni omonimi in provincia di Arezzo, i comuni da 10 sono diventati 9. Sempre in Toscana, nell’area interna Garfagnana, i comuni sono passati da 21 a 19: dai comuni di Fabbriche di Valico e Vergemoli è nato nel 2014 Fabbriche di Vergemoli in provincia di Lucca; dalla fusione dei territori comunali di Sillano e Giuncugnano è nato nel 2015 il comune di Sillano Giuncugnano, sempre in provincia di Lucca.