La Commissione europea approva nuove sovvenzioni in supporto al Governo marocchino

La Commissione europea ha approvato un nuovo pacchetto di supporto finanziario per il Marocco pari a 135 milioni di euro. Le sovvenzioni andranno a supportare la riforma da parte del Governo marocchino nei seguenti settori: •politica agricola con il 'Plan Maroc Vert' •strategia per l’integrazione delle popolazioni delle aree remote •strategia per l’alfabetizzazione

Le sovvenzioni mirano a migliorare, in maniera diretta, la qualità della vita della popolazione marocchina.

Il nostro programma di aiuti riflette la natura speciale del partenariato tra l’Unione europea e il Marocco nel contesto delle relazioni dello Stato Avanzato. Esso testimonia inoltre l’enorme importanza che si attribuisce alle riforme implementate dal Regno del Marocco, al fine di rafforzare la coesione sociale e di combattere la povertà”, ha affermato Štefan Füle, il Commissario in carica dell’Allargamento e della Politica Europea di Vicinato.

Il primo asse del programma intende fornire supporto al secondo pilastro del Plan Maroc Vert (il PMV) rivolto all’agricoltura su piccola scala o “inclusiva”, contribuendo al rafforzamento dei settori della pastorizia e delle colture specifiche, per migliorare la commercializzazione e la qualità di produzione.

Il secondo asse, ossia l’integrazione delle popolazioni che vivono nelle aree remote, fornirà supporto al Programma Nazionale di Strade Rurali (PNRR II) progettato per migliorare l’accesso, per le comunità isolate, alle reti stradali, come prosecuzione del programma della Commissione europea in atto.

Il terzo asse del programma mira invece a incrementare i tassi di alfabetismo, sostenendo la capacità di intervento delle istituzioni e delle ONG coinvolte nell’implementazione della strategia, migliorando in tal modo la qualità della formazione e introducendo schemi per certificare le competenze acquisite.