In arrivo il 97% dei contributi 2017 per le fusioni comunali

Disposto l'acconto dei 38 milioni di euro previsti nell'anno in corso per i comuni istituiti con procedura di fusione

Il Ministero dell’Interno lo scorso 8 luglio ha disposto l’erogazione del 97% dei contributi 2017 spettante ai comuni istituiti con procedura di fusione. Per il 2017 i fondi complessivi ammontano a circa 38 milioni di euro.  L’acconto, verrà corrisposto non appena saranno perfezionate le richieste di variazione di cassa. La notizia arriva ad un giorno dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del  decreto ministeriale relativo ai contributi destinati ai comuni istituiti a seguito di fusioni realizzate a partire dal 2012. Per un periodo massimo di dieci anni, a decorrere dall’anno in corso, a tali enti spetta un contributo straordinario pari al 50 per cento dei trasferimenti erariali attribuitigli nel 2010, che non potrà superare il limite di 2 milioni di euro per ciascuna fusione. Nel caso in cui le richieste di contributo superassero i fondi stanziati annualmente, la priorità sarà data alle fusioni realizzate da più tempo. Lo scorso 15 giugno la Conferenza Stato- Città aveva dato parere favorevole allo schema di decreto.